Sei uno Psicologo?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca lo Psicologo

Droga del cannibale: lo stupefacente che viaggia sul web

Salita alla ribalta delle cronache recenti per il suo presunto terribile effetto, la Droga del cannibale, cosciuta anche con i nomi commerciali di Sali da bagno, Settimo cielo o Fertilizzante per piante, è una sostanza stupefacente il cui consumo si è rapidamente diffuso tra i giovani, grazie alla facilità con la quale può essere reperita, anche online.Mentre dilaga la paura sugli effetti devastanti di questa sostanza, e si accendono i dibattiti tra chi sostiene che provochi istinti di cannibalismo e chi ritiene che semplicemente acutizzi tendenze già insite nei soggetti che la assumono, sono stati pubblicati sulla rivista Behavioural Brain Research i risultati dei primi studi condotti da una fonte autorevole: l'Università Health Care del North Carolina (Stati Uniti).Dagli studi effettuati è emerso che la droga è un composto di tre molecole sintetiche, la più importante delle quali è il mefedrone, una sostanza la cui vendita non è ancora soggetta a regolamentazione, anche in alcuni stati membri dell'Unione Europea. Testato sui ratti da laboratorio, il mefedrone causa effetti simili a quelli della cocaina, dell'ecstasy e della amfetamina cioè effetti stimolanti e di rapida dipendenza. La sostanza viene ricavata dal metcatinone una molecola sintetica la cui struttura può essere assimilata a quella del catinone, il principio attivo ottenuto dalla pianta del Khat consumato in Etiopia, Kenia e Yemen. La ricerca effettuata su questa sostanza ha utilizzato il parametro dell'auto stimolazione intracranica per valutare la dipendenza provocata dalla sostanza, confrontandola con la cocaina.L'esperimento è stato condotto suddividendo i ratti da laboratorio in tre gruppi ai quali sono stati somministrati per via peritoneale mefedrone, cocaina e acqua salina, dopo aver misurato in via preliminare il livello di autostimolazione. L' osservazione è stata effettuata in 4 fasi a distanza di 15, 30, 45 e 60 minuti dalla somministrazione. E' così emerso che tanto il mefedrone quanto la cocaina aumentano la frequenza con cui i ratti si autostimolano allo scopo di ottenere una maggiore gratificazione cerebrale. Questo effetto spiegherebbe anche l'insorgere della dipendenza dalla sostanza.Se questi studi hanno chiarito l'effetto eccitante e di dipendenza provocato dall'assunzione di questo temibile stupefacente, nulla hanno spiegato sui presunti istinti cannibali risvegliati dalla droga e constatati in alcuni episodi di cronaca negli Stati Uniti ed in uno recentissimo in Italia, precisamente a Genova, dove un ragazzo avrebbe assalito a morsi la sua ex sotto l'effetto di questa droga.Il professor Gian Luigi Gessa, neurofarmacologo dell'Università di Cagliari, si è espresso sull'argomento, affermando che le droghe non sono in grado di creare ex-novo degli istinti, ma semplicemente di risvegliarli, anche quelli più perversi come può essere quello di assaggiare il sapore della carne dei propri simili.

Leggi altre informazioni sulla droga del cannibale

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei uno Psicologo? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK